Blefaroplastica

Blefaroplastica: cos’è?

Chirurgia estetica delle palpebre

La blefaroplastica è un intervento chirurgico che consente la correzione estetica di difetti, di natura congenita o dovuti all’avanzare dell’età, come borse sotto gli occhi, palpebra cadente o palpebra orientale.
L’intervento di blefaroplastica è una valida soluzione, non soltanto da un punto di vista estetico, ma anche funzionale: l’intervento di blefaroplastica è consigliato anche per risolvere impedimenti nel campo visivo dovuti al cedimento dei tessuti e/o dei muscoli della zona orbitale.

L’intervento di blefaroplastica prevede la rimozione dell’eccesso cutaneo e/o adiposo dalla palpebra superiore e/o inferiore, nel rispetto del naturale aspetto morfologico del paziente.

La blefaroplastica è una pratica chirurgica molto richiesta, sia dalle donne che dagli uomini, a partire dai trentacinque anni d’età.
Il risultato dell’intervento di blefaroplastica consente un ringiovanimento generale dell’aspetto del viso e un miglioramento della qualità della vista.

Blefaroplastica: quando è necessario ricorrere a questo tipo di intervento?

Sono un buon candidato per la chirurgia delle palpebre?

L’esigenza di rivolgersi al chirurgo per sottoporsi ad un intervento di blefaroplastica può essere legata a diversi fattori: dal fastidio estetico a quello funzionale.

Non si può stabilire a priori quale sia il momento giusto per ricorrere alla blefaroplastica, anche se, in genere, l’invecchiamento della pelle attorno agli occhi, e le implicazioni che ne conseguono, inizia ad essere evidente e poco tollerato a partire dai 35 anni d’età: compito del chirurgo è stabilire se si tratta di una soluzione valida per il paziente che ha di fronte.

Sono parecchi i pazienti che scelgono la blefaroplastica per il ringiovanimento dell’aspetto del proprio viso: si tratta di una richiesta che coinvolge sia le donne che gli uomini, in percentuale piuttosto omogenea.

Palpebre cadenti e borse sotto gli occhi, non sono solo fenomeni tipici della naturale manifestazione dell’invecchiamento, ma possono essere legati allo stile di vita, ad un fattore ereditario o di tipo genetico: un fastidioso inestetismo che alla lunga, se non corretto chirurgicamente, oltre a conferire un aspetto stanco e trascurato, determina pesantezza e stanchezza della vista.

La blefaroplastica rappresenta un rimedio valido e duraturo preferibile ad alternative non chirurgiche che possono rivelarsi inutili e, in alcuni casi, addirittura dannose. Nonostante le premesse, esistono moltissimi soggetti che non tengono in considerazione l’intervento di blefaroplastica per correggere i difetti legatti alla cute attorno agli occhi, poichè timorosi di un cambiamento estetico troppo drastico. In questo caso, la scelta del chirurgo rappresenta un fattore determinante per valutare il da farsi: il paziente deve essere informato, sulla base della situazione di partenza, circa il possible risultato ottenibile con la blefaroplastica, escludendo false aspettative.

 Scegliere la blefaroplastica: una procedura semplice ma di precisione

L’intervento di blefaroplastica ha una procedura piuttosto semplice, che richiede una certa precisione nell’esecuzione, oltre che senso estetico e ampia conoscenza dell’anatomia della zona trattata.
La blefaroplastica può essere praticata sulla palpebra superiore (blefaroplastica superiore), su quella inferiore (blefaroplastica inferiore), o su entrambe le palpebre (blefaroplastica completa).

Questo tipo di procedura chirurgica, prevede un lavoro in anestesia locale, abbinata ad una leggera sedazione endovenosa. L’intervento di blefaroplastica è in day hospital: il paziente viene dimesso nell’arco della giornata. La durata della procedura chirurgica di blefaroplastica, è quantificabile in circa mezz’ora per zona.

  Blefaroplastica superiore

 

La blefaroplastica superiore, si concentra sulla correzione dei difetti a livello delle palpebre superiori.
La procedura chirurgica di blefaroplastica nella zona superiore, prevede la pratica di un’incisione di forma di ellittica, che ha un vertice in prossimità del canto interno dell’occhio e l’altro alcuni millimetri oltre il canto esterno.

L’incisione avviene in maniera tale che la sutura finale possa cadere in una normale piega cutanea quando l’occhio è aperto.
L’operazione si conclude con l’applicazione dei punti dermodermici, per evitare la formazione di cicatrici visibili, che venrranno rimossi dopo tre giorni.

  Blefaroplastica inferiore

La blefaroplastica della porzione inferiore, invece, si concentra sull’area sotto l’occhio.

La procedura chirurgica della blefaroplastica inferiore, richiede un’incisione a 3 mm sotto le ciglia, la rimozione del grasso in eccesso nella porzione mediale, laterale ed interna e l’applicazione di 3 o 4 punti di sutura, praticamente invisibili poiché appena al di sotto della rima palpebrale. I punti applicati per la blefaroplastica inferiore, vengono rimossi dopo circa 4 giorni dall’intervento.

 

  I risultati

I risultati dell’intervento di blefaroplastica sono apprezzabili dopo circa 20 giorni e hanno un effetto duraturo nel tempo, che varia da persona a persona.

  Il post operatorio della blefaroplastica: in cosa consiste

Anche per la blefaroplastica, la fase postoperatoria va seguita con particolare scrupolo, al fine di una guarigione ottimale.
Dopo essersi sottoposti all’intervento di blefaroplastica, è fondamentare applicare il ghiaccio da tenere a intervalli di un’ora per i primi due giorni. Il ghiaccio serve a ridurre i lividi nella zona trattata.

Con l’intervento di blefaroplastica, infatti, si potrebbero formare dei lividi nella zona sottopalpebrale: l’edema scompare nel giro di qualche giorno. Il protocollo postoperatorio, inoltre, prevede una terapia antibiotica.
Nel mese successive all’intervento, è necessario proteggersi adeguatamente dal sole; evitare sauna e bagno turco

chirurgia-estetica-blefaroplastica-tecnica-1

  Rimozione dei punti

I punti vengono tolti in media dopo circa 5-6 giorni dall’intervento di blefaroplastica.

  Eventuali controindicazioni?

Si tratta di una tecnica molto precisa: le controindicazioni possono essere legate ad un’eccessiva riduzione della pelle o del grasso sottocutaneo. Quindi, il consiglio è di affidarsi sempre a mani esperte.

  Il periodo consigliato per sottoporsi all’intervento di blefaroplastica?

La stagione invernale è indubbiamente la migliore per sottoporsi all’intervento di blefaroplastica.

  Si tratta di un intervento pericoloso?

Come affermato in precedenza, la blefaroplastica è una tecnica piuttosto semplice, che richiede una certa esperienza e precisione.
È fondamentale rivolgersi a personale esperto e seguire alla lettera i consigli postoperatori.

Il rischio di rivolgersi a realtà non abbastanza professionali è legato al risultato: la blefaroplastica, se mal eseguita, potrebbe peggiorare la situazione del paziente.

  L’intervento di blefaroplastica è adatto a tutti?

La richiesta dell’intervento di blefaroplastica è piuttosto alta per entrambi i sessi, a partire dai 30 anni.

Questo tipo di intervento è adatto a tutti, previa valutazione del chirurgo.
La condizione di salute è fondamentale per poter effettuare l’intervento di blefaroplastica in totale sicurezza.

  L’intervento di blefaroplastica prevede la richiesta dei seguenti esami:

  • gli esami del sangue

  • l'elettrocardiogramma

Prezzo: € 2000 (sopra o sotto) € 3500 (entrambe)
Rateazione: € 110,00
Tempi di attesa: 15 gg.
Durata intervento: mezzora / 1 ora
Ricovero: diurno (day hospital)
Rispresa normale attività: 5 giorni
Ripresa attività sportiva: 2 settimane
Evitare l'esposizione al sole per: 1 mese
Anestesia: generale o locale con sedazione